Sportello C.I.C.

cic

Che cos’è il C.I.C.?


Il Centro Informazione e Consulenza è una struttura istituita nelle scuole con leggi e circolari ministeriali all’inizio degli anni Novanta. Partendo da un’ottica di prevenzione del disagio giovanile e dei comportamenti a rischio, lavora sulle dinamiche inerenti allo “stare bene a scuola”.
Nella nostra scuola, il C.I.C. è gestito da un gruppo di insegnanti che si mettono a disposizione per un sevizio di ascolto.

Le caratteristiche del C.I.C.

Il C.I.C. è uno spazio dove trovi persone disponibili ad ascoltarti per qualsiasi motivo e non solo se hai qualche problema!
Il C.I.C. lavora per favorire lo “star bene” a scuola.
Il C.I.C. è aperto a tutti coloro che hanno contatti con la scuola, e cioè studenti, insegnanti, genitori, personale scolastico in genere.
Al C.I.C. possono essere portate proposte per la realizzazione di attività e chieste informazioni sulla vita scolastica, la salute, il territorio.
Gli operatori del C.I.C. incontrano il singolo, il gruppo, la classe, secondo le esigenze.
Il C.I.C. garantisce la riservatezza su quanto è oggetto dei colloqui se questi toccano tematiche che investono profondamente il vissuto della persona, a meno che tali tematiche non implichino comportamenti che possono sfociare in reati gravi o costituire grave pericolo per la salute della persona. In ogni caso però, il coinvolgimento di persone esterne al colloquio viene sempre contrattato.

Come si accede al C.I.C.

ll C.I.C. ha uno “sportello d’ascolto”, situato in un’aula dell’Istituto, gestito secondo un orario di presenza dei vari operatori. Questi ultimi possono però essere contattati secondo altre modalità, più informali, per parlare o concordare appuntamenti anche al di fuori dell’orario dello sportello. Ad esempio, i vari docenti possono essere avvicinati nelle loro “ore buche” o durante la ricreazione o nei cambi d’ora. Da quest’anno è possibile contattare gli operatori C.I.C. anche tramite e-mail al seguente indirizzo: cic@palladio-tv.it.

Sarebbe meglio in tal caso scrivere nell’oggetto della mail il nome dell’operatore a cui si intende inviare il messaggio, in modo che possa essere letto solo dal diretto interessato.
Nel caso in cui ci fosse bisogno della consulenza o dell’aiuto di altri operatori esterni (consultori, servizi sociali, specialisti, altre strutture) con il consenso dell’interessato, l’operatore C.I.C. potrà provvedere lui stesso a contattarli.
Per incontrare gli operatori durante l’orario scolastico, un alunno deve avere l’autorizzazione ad uscire dalla classe del docente dell’ora. Sarà cura degli operatori C.I.C. prendere contatto con il docente e avvisarlo per chiedergli l’autorizzazione. Il docente ha la facoltà di negare il permesso se questo interferisce con l’attività didattica da lui prevista. In ogni caso, l’uscita dell’alunno dalla classe per accedere al C.I.C. non deve essere riportata sul registro di classe e avverrà assicurando il rispetto della privacy nei confronti dei compagni.